Irno in Tavola, il gusto dolce di Maiori: ecco le Melanzane al cioccolato
melanzanealcioccolato33
Fonti Foto
Chi non conosce la celeberrima Costiera Amalfitana? Nessuno, ovviamente, ma forse non tutti sono così preparati sulle tradizioni culinarie di questo paradiso terrestre. Ed è proprio per colmare questa lacuna che viene in soccorso la ricetta di oggi, un dolce davvero singolare di cui la cittadina di Maiori detiene il primato assoluto: le Melanzane al cioccolato. Prima di tutto, però, occorre fare un passo indietro e conoscere le origini di un piatto così particolare. Questa prelibatezza viene preparata solitamente in occasione della Festa dell'Assunta, ovvero il 15 agosto, e sembra che la ricetta sia arrivata in Campania all'epoca delle invasioni saracene, da collocarsi intorno al IX secolo. A diffondere però il dolce sarebbero state le religiose di Santa Maria della Misericordia che, secondo la leggenda, prepararono il dolce per la nipote dello zar Nicola II quando la nobile partorì presso il Grand Hotel Cocumella di Sant'Agnello. Un'altra versione della storia, invece, narra che la ricetta sia stata creata dai monaci di un convento di Tramonti che, almeno inizialmente, condivano le melanzane con del liquore e soltanto tempo dopo il succo alcolico sarebbe stato sostituto dal cioccolato. Ma ora, dopo queste digressioni, è il caso di vedere cosa occorre per la preparazione delle famose melanzane dolci.
 
INGREDIENTI:
- Melanzane: 1 kg;
- Zucchero: 100 gr.;
- Mandorle: 250 gr.;
- Scorzetta di arancia: 30 gr.;
- Cedro candito: 50 gr.;
- Amarene sciroppate: 50 gr.;
- Amaretti: 50 gr.;
- Vanillina: 1 bustina;
- Cannella: 1 bustina;
- Uova: 2;
- Farina: q.b.;
- Sale: q.b.;
- Olio extravergine di oliva: q.b. per la frittura;
- Latte: ½ litro;
- Cacao in polvere: 50 gr.;
- Cioccolato fondente: 300 gr.;
- Limoni della Costiera Amalfitana varietà "sfusato": due.
 
PROCEDIMENTO:
Si sbuccino le melanzane tagliandole poi di lungo a fette sottili mettendole sotto sale per circa un'ora. A questo punto si dovranno sciacquare, premere ed asciugare friggendole poi in abbondante olio, facendo attenzione a non farle dorare troppo. Si pongano le melanzane su carta assorbente aspettando che si asciughino e si raffreddino, dopo di ciò andranno infarinate ed immerse nell'uovo, a cui sarà stato aggiunto un po' di sale, e andranno fritte nuovamente. Ancora una volta, le melanzane vanno asciugate su carta assorbente e, successivamente, immerse all'interno di un composto formato da cannella, zucchero e buccia di limone grattugiata. Dopo questo procedimento si pelino le mandorle e le si tostino in forno triturandole poi insieme al cedro, al cioccolato amaro e alle scorze di arancia. Si prendano gli amaretti e li si sbriciolino mescolando poi tutto all'interno di un piccolo recipiente a cui saranno stati aggiunti 25 grammi di cioccolato amaro e le amarene sciroppate. Si sciolgano lo zucchero ed il cacao nel latte facendo bollire, a fuoco lento, fino a quando il composto sarà diventato cremoso, si fonda il cioccolato a bagnomaria e si metta un mestolino di cioccolato sul fondo di un recipiente del diametro massimo di 20 centimetri allineando le melanzane e passandole prima nel cioccolato. Si versi su di esse la mistura a base di canditi e si versi poi la crema. Si ripeta il procedimento a strati e, al termine, si ricopra il tutto con il cioccolato. Le melanzane andranno poi conservate in un recipiente con chiusura ermetica e lasciate a riposare in frigo per almeno 3 giorni prima di gustarle. Buon appetito!
Author: Francesca Salvato

 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU TRADIZIONI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE