Irno in Tavola, i Cavatelli al tartufo nero di Colliano
cavatelli60
Fonti Foto
In bilico tra la provincia di Salerno e quella di Potenza, Colliano si contraddistingue per la sua posizione collinare, la sua montagna infatti non è qualcosa di geograficamente statico ma alterna cime elevate con zone pianeggianti dando vita ad un panorama di singolare bellezza e dalla vegetazione lussureggiante. Proprio in questo territorio così particolare nasce un piatto che ha come elemento principale il tartufo nero, prodotto tipico della zona e che in autunno dà vita ad una mostra mercato di notevole risonanza. Ecco cosa occorre per preparare i Cavatelli con il tartufo.
 
 
INGREDIENTI:
- Farina bianca: ½ kg;
- Acqua tiepida;
- Uova fresche: 4;
- Sale: q.b.;
- Olio extravergine di oliva: tre cucchiai;
- Aglio: 2 spicchi;
- Tartufo nero: una spolverata;
- Formaggio pecorino: una spolverata
 
PROCEDIMENTO:
Su una spianatoia si ponga la farina creando un vuoto al centro dove verranno collocati l'albume ed il tuorlo delle quattro uova con un pizzico di sale, poi si inizi ad impastare avendo cura di aggiungere un po' alla volta l'acqua tiepida per rendere più semplice la lavorazione. Quando l'impasto sarà ben amalgamato, se ne prelevi un pezzo alla volta e lo si rotei avanti e indietro formando un bastoncino dello spessore di un dito. A questo punto si utilizzi un coltello o una spatola da cucina (a' rasula) e si tagli il bastoncino a pezzi e su ciascuno di essi, con una mossa forte e veloce al tempo stesso, si eserciti una pressione con il dito medio formando così una specie di conchiglia. Dopo aver realizzato i cavatelli, si pongano in una pentola piena di acqua bollente e si facciano cuocere al massimo per dieci minuti. Nel frattempo in una padella dal bordo molto alto si versino tre cucchiai di olio extravergine di oliva e si aggiungano i due spicchi di aglio schiacciati facendo cuocere a fuoco lento finché l'aglio sarà diventato color oro. Ora si abbassi la fiamma e si grattugi il tartufo, si tolga l'aglio dalla padella e utilizzando un mestolo di legno si prelevi un po' di acqua della cottura aggiungendolo al composto per renderlo più denso. Questo procedimento dovrà prolungarsi fin quando la pasta sarà cotta, a questo punto la si scoli e la si condisca. Prima di prelevare il contenuto dalla padella, si spolveri il composto con il pecorino e, alla fine, si aggiunga il tartufo nero di Colliano. I Cavatelli sono pronti per essere serviti in tavola, buon appetito!
 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU TRADIZIONI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE