Irno in Tavola, da Nocera Inferiore i Peperoni imbottiti
pepeoniimbottiti60
Fonti Foto
Questa settimana, per la rubrica "Irno in Tavola", la scelta è ricaduta su un piatto tipicamente estivo: i Peperoni imbottiti. Non si tratta di una pietanza molto leggera, questo è innegabile, ma il gusto che la caratterizza farà chiudere un occhio anche a chi è molto attento all'ago della bilancia. Nocera Inferiore eccelle nella preparazione di questo secondo. Ecco cosa occorre per prepararlo.
 
 
 
 
 
 
INGREDIENTI
Dosi per 4 persone
- Peperoni uniformi e piuttosto spessi (preferibilmente rossi): 4;
- Pane raffermo: 1 kg;
- Capperi sotto sale: gr. 100;
- Olive nere (snocciolate): gr. 100;
- Olive verdi (snocciolate): gr. 100;
- Alici sotto sale: gr. 50;
- Formaggio pecorino grattugiato: gr. 100;
- Uova fresche: 2;
- Aglio: 1 spicchio;
- Due pizzichi di origano;
- Olio extravergine: 200 cl;
- Sale: q.b.
 
PROCEDIMENTO
Si ammorbidisca il pane raffermo in acqua, dopo averne tagliato la crosta, lo si strizzi e lo si depositi in una terrina con il sale, le uova, i capperi (dopo averli lavati per toglierne il sale), le olive e le alici salate spezzettate, il pecorino, l'aglio sminuzzato, l'origano e un po' di olio extravergine di oliva delle colline salernitane. Si lavori l'impasto a lungo per amalgamare bene gli ingredienti. In precedenza si saranno lavati i peperoni privandoli molto accuratamente dei semi ed evitando di romperli. Con l'impasto preparato si farciscano i peperoni servendosi di un cucchiaio non grande per evitare di rompere il foro praticato in ciascun peperone. Una volta ultimata l'operazione, si chiuda ogni peperone con il suo cappelletto o, ancora meglio, con un pezzo della crosta del pane usato per il ripieno, avendo cura che il contenuto non fuoriesca. A questo punto, si pongano i peperoni in una padella capiente con poco olio e si proceda ad una cottura lenta facendo attenzione a girarli di continuo perché possano cuocere in modo uniforme. Quando la cottura sarà completata, si attenda che i peperoni si intiepidiscano, poi si spellino piano e si servano. E' pronta un'autentica squisitezza!
Author: Francesca Salvato

 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU TRADIZIONI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE