Irno in Tavola, "Laghena con il Latte" per festeggiare l'Ascensione
laghena73
Fonti Foto
Si avvicina la Festa dell'Ascensione e, con essa, fervono i preparativi per portare in tavola piatti caratteristici che celebrino tale ricorrenza. Per l'occasione, la cittadina valdianese di Padula prepara un dolce tipico che si tramanda da generazioni nelle famiglie del posto, ovvero la "Laghena con il latte". Questo dolce, dal gusto semplice e raffinato, ha un'origine incerta ma l'accostamento degli ingredienti fa pensare che vi sia un possibile retaggio francese o, più probabilmente, che la ricetta affondi le radici in un'epoca in cui l'imperversare della povertà non consentiva di utilizzare ingredienti eccessivamente costosi, lasciando così spazio ad alimenti di uso quotidiano ma rivisitati con un po' di fantasia.
Ecco cosa occorre per preparare questo originalissimo dolce!
 
INGREDIENTI
- Farina 00: due giumelle (quanto è contenuto nel cavo delle mani accostate insieme con le dita congiunte in forma concava);
- Latte (se si preferisce intero ma sarebbe meglio scremato): due litri;
- Zucchero: 12 o 14 cucchiai;
- Sale: quanto basta;
- Acqua: quanto basta;
- Cannella in polvere: in abbondanza.
 
PROCEDIMENTO
Si ponga la farina in una scodella aggiungendo il sale quanto basta e l'acqua a temperatura ambiente in una quantità da decidere progressivamente, versandola poco alla volta nella farina ed impastando fino ad ottenere un composto sodo ed omogeneo da lavorare a lungo. Si lasci, poi, riposare per un quarto d'ora coprendo con un canovaccio umido. Si stenda la laghena con il matterello sulla spianatoia fino ad avere una sfoglia uniforme e sottile infarinando man mano per evitare che la sfoglia si laceri o si attacchi alla spianatoia.
Si faccia asciugare per un paio d'ore in un ambiente asciutto ed aerato e, successivamente, si avvolga la sfoglia dopo averla spolverata leggermente di farina in modo da ottenere un rotolo regolare. Si tagli il rotolo in tagliatelle larghe circa ½ cm spargendole bene sulla spianatoia ed infarinandole onde evitare che si impastino le une con le altre facendole poi asciugare ulteriormente. Si ponga sul fuoco un'ampia pentola con acqua abbondante e, al momento dell'ebollizione, si versino le tagliatelle rimestando continuamente e le si faccia cuocere quasi del tutto.
A questo punto si scolino le laghene rimettendole poi nella pentola con i due litri di latte e lo zucchero, si continui a mescolare fino ad ebollizione e si prolunghi la cottura per almeno ¼ d'ora, avendo cura di non far sversare il latte. Ultimata questa fase, si spenga il fuoco e si versi il tutto in più scodelle facendo attenzione ad abbondare con il latte in ogni scodella (infatti esso, raffreddandosi, viene assorbito dalla pasta). Dopo pochi minuti, si spolveri con un setaccino la superficie della laghena di abbondantissima cannella in polvere fino a coprire del tutto il composto. Si faccia raffreddare bene e si gusti il dolce freddo: ecco pronta un'autentica delizia per palati sofisticati.
Author: Francesca Salvato

 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU TRADIZIONI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE