Biografie, "Don Vito" di Ciancimino e La Licata
donvito10«Conobbi Lima quando entrai a far parte della "grande famiglia" (si fa per dire) della Democrazia Cristiana... ritenevo che tutti i democristiani credessero in Dio e che applicassero rigorosamente i dieci comandamenti. Sono stato subito deluso e arrivai alla conclusione (se vogliamo arrogante) che io ero di gran lunga migliore di loro. Tuttavia... mi trovavo nel "ballo" e continuai a "ballare"...». E' in queste parole che possiamo riassumere la filosofia politica di quello che è stato il connubio naturale dell'abbraccio mortale tra mafia e potere, letteralmente «il capo di un clan», garante di "un'equa lottizzazione" in cui il segreto era l'arma più potente: Vito Ciancimino, alias don Vito da Corleone, ai posteri assessore ai lavori pubblici ed ex-sindaco di Palermo. Relazioni segrete, occulte e ambigue tra Stato e Cosa Nostra, raccontate attraverso gli occhi del figlio Massimo, spettatore obbligato e testimone diretto delle esperienze del padre-padrone. Amico fraterno di Bernardo Provenzano, che sarà sempre al suo fianco (in totale libertà), la mafia per don Vito rappresentava un condizionamento ambientale che faceva parte del gioco e che, "come il leone nella giungla", non era possibile aggirare. La base su cui poggiava il suo immenso sistema clientelare stava proprio nella grande facilità di accesso ai "grandi bazar" di Cosa Nostra. Sullo sfondo di una società infettata, una "Palermo da bere" in cui il Palazzo di Giustizia era un mausoleo immobile, ne viene fuori un ritratto infelice della realtà, quasi sfiancato ma altrettanto chiaro su argomenti ancora attuali: «Neanche mi sento colpevole per le tangenti, perché io le ho avute e le ho contabilizzate ai miei referenti politici che era lo Stato.
 
Lo Stato funzionava così e lo sapevano tutti, dai presidenti della Repubblica a scendere».Un sistema esteso di illegalità, in cui non ci sono eroi, che rende tutti uguali e in cui la politica rivendica il diritto al finanziamento illecito: insomma, quella moda del "se così fan tutti il reato non c'è più" che in seguito verrà fuori dal famigerato discorso autoassolutorio di Craxi in Parlamento. E tutto questo prima dell'esplosione di Mani Pulite.
 
Un viaggio dissacrante, ad ampio raggio, nella storia del Paese, confidenziale e alternativo a quello ufficiale: a partire dal sequestro Moro, dal "sacco di Palermo" alla nascita di Milano 2, dentro ai conti segreti dello Ior e alla corrente politica andreottiana in Sicilia, passando per le stragi del '92, la "Trattativa" tra Stato e Cosa Nostra (con il suo "papello") e la cattura di Riina, fino ad arrivare alla fondazione di Forza Italia e al ruolo (mai confinato) di Marcello Dell'Utri. Sullo sfondo la perenne e inquietante presenza dei servizi segreti. Un racconto nitido e a tratti sarcastico della storia mafiosa dell'ultimo ventennio, caratterizzata da un'inedita trama riscoperta recentemente, che incuriosisce e lascia parlare. Sulle stragi del '92 il giudizio più duro di don Vito, «questo è terrorismo, non è mafia». Una strisciante convinzione del fatto che c'era chi soffiava sul fuoco per tenere alta la temperatura e non disinnescare "la pistola che Riina teneva al posto della testa". Troppo scomode al palazzo (quello "grande") le indagini di Falcone, che «si muoveva come se fosse stato incaricato di formare un nuovo governo della Repubblica... per questo ha preoccupato tutti, ma soprattutto quella parte del potere politico che diffidava di lui e dei suoi padrini (Andreotti e Martelli certi, e gli altri? Non so)». Lapidario su Andreotti, che "ha subìto e sa quanto pesa": «Sulla tomba di Andreotti, semmai un giorno dovesse morire, dovrebbe essere scolpito (a caratteri cubitali) il giudizio che su di lui ha espresso Alcide De Gasperi: "E' tanto capace a TUTTO che è capace di TUTTO"».
 
Forse l'unico politico mai intercettato nelle sue conversazioni, sconterà quasi dieci anni di vita in carcere. Agli arresti domiciliari, morirà misteriosamente, solo e malato, nella sua casa romana.
 
INFO LIBRO: "Don Vito", di Francesco La Licata, Massimo Ciancimino - Ed. Feltrinelli, 2010
Author: Valentina Serra

 
   
Articolo contenuto in
SU LETTURE POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE